Massaggio Svedese

Il Massaggio Classico, o Svedese, è il più diffuso in Europa. Agli inizi del 1800, il medico e fisioterapista svedese Pehr Henrik Ling (1776-1839), ne definì le fondamenta di basandosi sui massaggi orientali e, in modo particolare, sul Tui Na cinese. 

Nonostante la denominazione, il vero padre di questa tecnica è olandese: il medico Johan Georg Mezger (1838-1909). Egli notò alcune somiglianze tra le proprie tecniche di massaggio e quelle descritte da Ling. Fu Mezger a definirne la terminologia e gli aspetti pratici, e omaggiò la sua opera di sistematizzazione di questa tecnica al medico svedese: da qui il nome.

Il massaggio svedese si differenzia dalle tecniche di manipolazione orientale, che contemplano concetti quali l’energia vitale (Qi) e i meridiani energetici, in quanto si basa sulle conoscenze occidentali di anatomia e fisiologia.

Le tecniche di base
Il massaggio svedese racchiude alcune tecniche di base da cui si sviluppano centinaia di manovre:
Sfioramento: la maggior parte delle persone, quando pensa al massaggio, pensa agli sfioramenti. Sono movimenti lunghi e ampi delle mani dell’operatore sulla zona trattata.

  • Frizione: si tratta di movimenti circolatori decisi e vigorosi. Servono a riscaldare l’area da trattare per rilassare la muscolatura e liberarla dalla rigidità.
  • Impastamento: i muscoli vengono manipolati, con finalità decontratturante e tonificante, proprio come si impasterebbero acqua e farina. 
  • Percussione: questa tecnica consiste in picchiettamenti, percussioni e vibrazioni, in modo ritmico e rapido. Serve a dare energia alla parte del corpo trattata, tonificarla e liberarla dallo stress.
  • Trazione: il massaggiatore letteralmente “tira” le braccia, le gambe e la testa del cliente. È uno stretching passivo che permette l’allungamento della muscolatura una volta che è priva di tensione.

Da queste tecniche di base si sviluppano centinaia di manovre. I movimenti seguono il flusso sanguigno per stimolare la corretta circolazione. A seconda dello scopo da raggiungere, l’operatore varierà il ritmo e l’intensità della pressione.

Il massaggio svedese si effettua sul lettino, utilizzando oli vegetali. Il cliente è coperto da un asciugamano, e il massaggiatore scopre progressivamente solo la zona del corpo sulla quale deve operare. 

I benefici
Per la sua versatilità, questa tecnica ha diversi benefici:

  • rilassamento generale 
  • riduzione della rigidità muscolare
  • stimolazione della circolazione sanguigna e linfatica
  • alleviamento del dolore
  • miglioramento dell’ossigenazione dei tessuti
  • rimozione delle tossine 
  • miglioramento del tono muscolare
  • riduzione degli edemi
  • miglioramento della postura
  • riduzione dello stress e dell’ansia

Anche il dolore causato dalle patologie croniche, come ad esempio l’artrite, diminuisce. La pelle avrà un aspetto migliore, diventando luminosa e levigata a causa del ricambio cellulare.

L’obiettivo è quello del rilassamento generale a tutti i livelli: fisico e psichico. Già dopo la prima seduta si avvertirà una nuova elasticità articolare e una rinnovata sensazione di vigore. Le endorfine prodotte, inoltre migliorano l’umore e l’autostima.

“Tensione è chi pensi che dovresti essere. Rilassamento è quello che sei.” (Proverbio cinese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.